Capirsi per conoscersi - Sito di "In Segni Apprendi"
22113
post-template-default,single,single-post,postid-22113,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-4.6,menu-animation-underline,header_top_hide_on_mobile,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive
 

Capirsi per conoscersi

intervista capirsi per conoscersi al programma tv khorakhane

Capirsi per conoscersi

Capirsi per conoscersi – Intervista al programma Khorakhané di San Marino RTV

Sono trascorsi pochi giorni dagli eventi che hanno visto la Repubblica di San Marino celebrare il decimo anniversario della ratifica della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità. Il programma televisivo Khorakhané pubblica l’articolo “Capirsi per conoscersi” dove intervista Patricio Castillo, responsabile del progetto InSegni Apprendi, e Gianluca Conti, sammarinese non udente.

Disabilità invisibile

La sordità è una disabilità invisibile. Sono tanti i bisogni e le necessità di una persona sorda, a cui non si pensa. Anche cose semplici, come un cenno con la mano per richiamare la sua attenzione, o una luce che avvisa che quando suona il campanello. Il Progetto InSegni Apprendi ha tra i suoi obiettivi quello di far conoscere il mondo della sordità, a partire dai bambini, per creare conoscenza e coscienza. Per questi ultimi, conoscere il mondo dei sordi, è un arricchimento culturale. Scoprono che i non udenti hanno una propria identità e cultura, così come la Lingua dei Segni ha una sua grammatica e sintassi.

Identità e cultura

Gianluca Conti, sammarinese non udente, racconta la sua esperienza ed alcune vicissitudini personali legate alla scuola ed alla famiglia. Condivide con la moglie la stessa identità e cultura, essendo entrambi non udenti. Le persone sorde, infatti, hanno una identità specifica data principalmente dall’uso del canale visivo e, per la maggior parte di loro, della Lingua dei Segni.

Progetto InSegni Apprendi

Patricio Castillo, responsabile del progetto, nonchè figlio di genitori sordi, ha sperimentato in prima persona il mondo della sordità, essendo cresciuto in una famiglia dove era l’unico udente. Ha sviluppato così una sensibilità che lo ha portato a saper riconoscere le necessità dei non udenti, e a battersi per abbattare le barriere che creano divisione ed esclusione. Il Progetto InSegni Apprendi nasce proprio per favorire inclusione, rispetto della diversità, accesso all’informazione.

No Comments

Post a Comment